Si parte solo con qualche maglione pesante. Pare siamo molto freddo a Firenze tra il 28 dicembre e il 1 gennaio…
Si torna con una valigia piena, strabordante. Non di souvenir ma di entusiasmo, di desideri, di bellezze.
È il campo giovani che fa questo effetto!
Eravamo una cinquantina e siamo stati ospiti dei frati francescani di Fiesole, in un monastero situato nel punto più alto della cittadina… affacciandoci oltre le mura, la visuale ci proponeva una prospettiva mozzafiato quasi smisurata per il nostro sguardo sempre troppo abituato a guardare solo fino alla punta del proprio naso. Ripensandoci, credo che quello squarcio di mondo visto oltre le mura, è la fotografia più rappresentativa di tutto il campo: lo stupore, il riconoscersi tanto piccoli ma così preziosi, la voglia di tuffarsi nel mondo e di dare un calcio alla mediocrità, l’amore per l’uomo e per le sue opera, la bellezza della Creazione.
Riflettere sulla nostra umanità – era questo il tema del campo giovani – è oggi un bisogno e una responsabilità. La chiesa tutta si sta incamminando verso il Convegno Ecclesiale che si terrà proprio a Firenze il prossimo ottobre e il cui tema è appunto “in Cristo Gesù, una nuova umanità”. Anche noi giovani allora, che della Chiesa vogliamo essere il volto vivace e costruttivo, abbiamo sentito la necessità di fermarci a riflettere: chi è l’uomo?
Non sono risposte ad abitare il nostro cuore ma solo alcune riflessioni che proviamo a condividere.
Essere uomini, dunque riscoprire la nostra piena umanità, è il mestiere più difficile ma è l’unica via per vivere e riuscire a guardare il mondo con lo stesso sguardo di Dio.
Essere uomini significa riconoscerci innanzi tutto uomo o donna. Significa riconoscerci liberi di amare dove e quando vogliamo.
Essere uomini significa aver incontrato Cristo e in Lui riconoscerci Figli di Dio, dunque creati a Sua immagine e somiglianza.
Essere uomini significa vivere come Cristo, unico vero Uomo.
Essere uomini significa uscire per incontrare gli altri; significa abitare i luoghi in cui viviamo rendendoli vivi e accoglienti; significa educare ma anche imparare; significa annunciare perché si ha qualcosa da dire, Qualcuno da raccontare; significa lasciarsi trasfigurare da Dio, rimettersi nelle Sue mani e costruire la nostra vita sulla roccia della fede.
Essere uomini significa abdicare alla propria mente, fidarsi della realtà che ci circonda, ascoltare il proprio cuore (cit. sr Elisa Galardi)
E dopo averci pensati e creati così, uomini, Dio vide che era cosa molto buona!

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Pubblicato: 04 Gennaio 2015

“Parleremo di scuola tra ragazze e ragazzi di regioni diverse. Condivideremo la vita e le esperienze, ci confronteremo su come la scuola può essere luogo di felicità, di passione, di appartenenza”: da oggi al 5 gennaio si svolgono in cinque diverse città della penisola i Cips, Campi interregionali per studenti, promossi dal Movimento studenti (Msac) e dal Settore giovani dell’Azione cattolica italiana. Padova, Fognano-Brisighella (Ravenna), Anagni (Frosinone), Benevento, Paola (Cosenza) ospitano ragazzi e giovani provenienti da varie regioni. I Cips sono “aperti a tutti gli studenti, senza alcuna barriera religiosa, politica o ideologica”. I responsabili - Gioele Anni del Msac, Lucia Colombo e Michele Tridente del Settore giovani - si augurano che “l’incontro tra tanti studenti, msacchini e giovanissimi, ragazze e ragazzi delle nostre città, faccia crescere nella nostra associazione quell’amore per la scuola che Papa Francesco invita a ‘non farci rubare’”, come affermato nel “Discorso al mondo della scuola del maggio scorso. Il titolo dei Cips è “Questa è la mia scuola! La casa dove posso stare bene con te”. “Parleremo di come abitare la scuola per quelli che siamo, con passione e senza pregiudizi. Ci confronteremo sulle relazioni che viviamo a scuola, quelle di amicizia e quelle che costano fatica. Scopriremo, infine, come essere protagonisti a scuola grazie agli strumenti della partecipazione studentesca”. Dal Msac di Senigallia sono partiti, alla volta di Fognano, in quattro. E noi facciamo il tifo per loro.

Pubblicato: 03 Gennaio 2015

Nel cuore delle feste di Natale, l’esperienza più bella per i giovani di Ac: il camposcuola.

Destinazione Firenze/Fiesole, luoghi suggestivi, carichi di storia da scoprire e di cultura possibile, alla portata di tutti.

Sulle orme di grandi personaggi di ieri e di oggi che hanno avuto il coraggio di scommettere su un’umanità più bella, camminando insieme alla Chiesa tutta verso il Convegno Ecclesiale di Firenze del prossimo novembre 2015.

 

 

 

Note tecniche: 

  • partenza ore 14.30 da P.zza del Duomo - Senigallia (ci riserviamo di anticipare la partenza in caso di previsioni metereologiche particolarmente avverse)
  • portare lenzuola, asciugamani ed effetti personali. La struttura dispone invece di coperte.
  • portare Bibbia, quaderno e penna.
  • portare vestiario sufficientemente pesante, viste le previsioni metereologiche e il programma di una giornata interamente fuori casa.
  • il campo si concluderà con la partecipazione alla S. Messa in Duomo (a Senigallia) alle ore 18.00, durante la quale i giovani riceveranno dalle mani del Vescovo il Messaggio del Papa per la 48ª Giornata Mondiale della Pace

 

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato: 24 Dicembre 2014
In mezzo alla sala mattoni, cazzeruola, piccone e cemento: in poche parole tutto quanto per alzare un muro. Da una parte cinque variegati docenti, di diversa "fattura" e sensibità. Dall'altra una quarantina di giovanissimi disposti ad un confronto aperto e sincero.
Bella e riuscita l'idea del Msac senigalliese di promuovere - lunedì 15 dicembre, alla Casa della Gioventù - un dialogo a tutto campo sulle più quotidiane e vissute dinamiche scolastiche. Ruoli, responsabilità ed aspettative reciproche si sono "parlati" in una sera d'inverno, per dirsi che la scuola può diventare una comunità accogliente e a misura di tutti, o quasi. 
E in questa occasione, da una parte e dall'altra, si è capito che abbattere i muri della diffidenza reciproca può essere più facile di quello che sembra.
 
msac dic2014
Pubblicato: 15 Dicembre 2014

In questo intenso tempo di Avvento, abbiamo pensato sia importante per tutti noi giovani prenderci un tempo di silenzio e preghiera, per avere cura della nostra spiritualità.

L'invito è per DOMENICA 14 DICEMBRE presso il Seminario Regionale di Ancona, dove i seminaristi si prenderanno cura appunto di questo momento, inserito all'interno di un ciclo di quattro incontri dal titolo "Nord-Sud-Ovest-Est"

Per andare insieme, ci vediamo alle 16.15 in Piazza del Duomo, a Senigallia, organizzandoci autonomamente con i mezzi. Chi avesse bisogno di un passaggio, mettiamo comunque a disposizione alcuni posti, per sicurezza però fateci sapere prima della vostra necessità.

A domenica!

parlero al tuo cuore 2014

Pubblicato: 12 Dicembre 2014

Venerdì 21 Novembre a Corinaldo, presso l’Oasi Santa Maria Goretti, il settore giovani dell’Azione Cattolica diocesana ha vissuto un prezioso momento di fraternità e di preghiera: “INCONTRIAMOCI”; una serata speciale pensata per tutti i giovani della nostra Diocesi, ed in particolare per accogliere i nuovi giovani 18enni all’inizio del loro cammino. L’attenzione e la cura dei momenti definiti “di passaggio” tra un settore e l’altro, conseguenza del proprio percorso di crescita, è da diversi anni una delle priorità del servizio svolto dall’equipe giovani diocesana e condivisa da tutto il consiglio e dalla la presidenza. E’ evidente, infatti, che quelle di passaggio tra un settore e l’altro, in questo caso dal settore giovanissimi a giovani, sono fasi delicate che presuppongono la scelta consapevole di rinnovare la propria appartenenza all’AC per permettere a questa associazione di accompagnare la nostra vita in ogni tempo.

E’ stato un dono grande quello di accogliere nel settore giovani ragazzi e ragazze che scelgono di continuare il loro servizio e la loro formazione in quest’associazione che ha davvero la grande capacità di rendere tutti parte di una grande famiglia dai ragazzi, ai giovani fino agli adulti con un solo obiettivo: testimoniare la bellezza e la gioia del Vangelo agli uomini e alle donne del nostro tempo.

La serata è stata aperta da una ricca cena a base di polenta, non poteva essere altrimenti essendo nel paese noto per la rievocazione storica del pozzo della polenta; a seguire una ricca grigliata di carne e per concludere castagne, vin santo e cantucci… in perfetto stile autunnale! Successivamente ci siamo recati nella chiesa parrocchiale di San Francesco per un momento di preghiera e di riflessione guidato dall’assistente giovani diocesano Don Francesco Savini. Abbiamo così affidato nella preghiera i nuovi giovani chiedendo al Signore di custodire il loro e il nostro cammino in questo settore che racchiude anni preziosi e fecondi, ricchi di scelte e profumati del desiderio di ricerca del progetto che Lui ha per ciascuno di noi, da sempre.

E allora… buon cammino a tutti i giovani della nostra diocesi!

Vanessa

Pubblicato: 05 Dicembre 2014

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su un qualsiasi link su questa pagina darai il consenso all'utilizzo dei cookies.